NandoNando dalla Chiesa

All articles by Nando

 

Maltempo sulle feste. Quando i partigiani resistono davvero.: cronaca (a lieto fine) dalla Franciacorta

E dopo il diluvio giunse l’ora dell’orgoglio. Ma partiamo dall’inizio. Cologne, provincia di Brescia, nel cuore della Franciacorta, dove, dice il mio accompagnatore, “ogni fazzoletto di terra diventa un vigneto”. Festa dell’Anpi, di quelle che si usavano una volta. Tre strutture stabili a formare un triangolo, una delle quali chiusa in muratura, e in mezzo
Continua a leggere...  

Leader di popolo. Storia di Salvatore che invita a “uscire un lenzuolo bianco”

Finalmente sono riuscito a rintracciarlo. Salvatore. Così si chiama, cognome Benintende, il giovane leader di popolo che ho ammirato il giorno 23 maggio per le strade di Palermo mentre da un primitivo camioncino guidava il grande corteo di giovani partito dall’aula-bunker per andare all’albero Falcone. Un leader naturale, come pochi ne ho conosciuti. Il microfono
Continua a leggere...  

Quel matrimonio che s’aveva da fare. Con la magia di due padri e di Bob Dylan….

Questa è una piccola grande storia, un inno alle cose minute della vita. Che cosa c’è, in fondo, di più normale di un matrimonio? A una certa età poi sembra di conoscerne a memoria riti e atmosfere, in tutte le varianti. E invece capita che la normalità interroghi, insegni emozioni grandi. Diremo qui solo i
Continua a leggere...  

Panzane à gogo da Michele Santoro. Ma stavolta succederà qualcosa….Leggere per credere

Giovedì sera scorsa la tivù di Santoro (Rai3) ha allestito una puntata  di originalità imprevedibile: la trecentosettima trasmissione televisiva sui misteri del caso Moro. Sono stati invitati esperti di grido, studiosi di livello, autori di libri e ricerche memorabili. Come tale Gero Grassi, che Santoro ha pescato dalla Commissione parlamentare di inchiesta e che è
Continua a leggere...  

23 maggio e immagini di antimafia. Quelle vere, che spesso non vedete

(scritto su Il Fatto Quotidiano del 21.5.2018; poi c’è stata la bellissima traversata in nave per Palermo. E il 23 di maggio….) Andrea ha voce leggera. Il volto un po’ scavato e la camicia scura, canta parole di poesia e di libertà. Lo accompagnano un basso e una chitarra. Con Margherita, Federica e Francesco presenta
Continua a leggere...  

Come ti nascondo un libro. Disavventure non sempre casuali di uno scrittore anomalo

Il blogghista affezionato sa che ho recentemente scritto un libro per Bompiani. E sa che si intitola “Per fortuna faccio il Prof”. La copertina è quella che trovate subito alla vostra destra quando vi collegate. E’ un libro che parla di università, di insegnamento, di nuove generazioni, di sogni, di lotta alla mafia, di politica,
Continua a leggere...  

Pavia, venite ad ammirare “il Tempo della Storia”

E voi provate a trovarne tanti altri così, allora. Nella Pavia del sabato pomeriggio che si crogiola e un po’ si stravacca nelle piazze al sole, queste decine e decine di ragazzi, che stanno tutti tra i diciotto e i trenta, si riuniscono in gruppo nella frescura del Broletto ad ascoltare le storie di un
Continua a leggere...  

“Sangue”. Venerdì alle 20 in aula Magna in Statale. Torna il teatro delle detenute

Si chiama “Sangue” il nuovo spettacolo delle detenute dell’alta sicurezza di Vigevano. I lettori di questo Blog ne hanno già sentito parlare. E hanno ancor più sentito parlare di queste detenute, spesso provenienti da famiglie di camorra e ‘ndrangheta, che cercano (e trovano) nel teatro un altro mondo, altre relazioni, altri linguaggi, altri pensieri, grazie
Continua a leggere...  

Storia di cultura e di coraggio. Iocisto, la libreria creata dai napoletani che leggono

A Napoli la sanno quasi tutti. Ma fuori no. E invece la storia di “Iocisto” dovrebbe diventare un biglietto da visita di questo Paese, il segno di una vitalità civile che nemmeno la camorra ha saputo piegare. La prova che grandi progetti culturali possono nascere senza bisogno dei governi. Diciamolo subito. “Iocisto” è una libreria,
Continua a leggere...  

Noi Montinaro. In nome di quel ragazzo in divisa che non abbandonò il suo giudice

La distinzione tra la paura e la vigliaccheria fu uno dei suoi più grandi lasciti morali. La tracciò un giorno in un’intervista destinata alla cronaca, e che si scolpì invece nella memoria di tanti. Si chiamava Antonio Montinaro, era il caposcorta di Giovanni Falcone, uno dei tre ragazzi in divisa -lui, Rocco Dicillo e Vito
Continua a leggere...  

Qui Macomer, provincia di Nuoro. Sette donne con i diritti nel cuore

Sette donne con i diritti nel cuore. Macomer, nome da fantasie infantili, diecimila abitanti sul lato ovest della Sardegna, provincia di Nuoro, a 500 metri d’altezza. Calo demografico da primato, industria chimica di quelle di una volta, buone a dar posti e finanziamenti per poi chiudere ingloriosamente. Ma queste sette sarde “ottimiste e di sinistra”
Continua a leggere...  

L’amico ritrovato. Della serie: esistono davvero

Gli amici ritrovati. Che bella cosa che sono. Lampi di affetti e di passato che trafiggono il tempo. Improvvisi. Come se una mano invisibile avesse apparecchiato l’incontro. O come se non potesse che essere così. Vai a Trieste per un corso di formazione di insegnanti sul movimento antimafia nella storia d’Italia e mentre parli indovini
Continua a leggere...  

Elvio Fassone. Il saggio di Pinerolo che spiega la Costituzione e fa l’inchino

Prima di leggere l’articolo qua sotto, con le gesta del grandissimo Fassone, ricordate che domani è la giornata di chiusura del Seminario internazionale su “Mafia & Anti-Mafia in Europa” promosso da Cross (seconda edizione). Verranno anche ospiti da Malta e dalla Slovacchia a parlare della libertà di informazione, e altri a parlare della corruzione privata
Continua a leggere...  

C’era una volta il voto utile… L’Erede della tradizione comunista e il duello a distanza con Bruce

C’era una volta il voto utile. Era una specie di religione, alla quale il Pci si dedicava a convertire gli infedeli. Il voto della sinistra, il voto della protesta, il voto radicale, il voto del cambiamento, il voto dei nuovi movimenti, non poteva che andare lì: al più grande partito comunista d’Occidente. L’unico che ne
Continua a leggere...  

Le due o tre cose belle che faccio lunedì. In università e al Piccolo Teatro (tutti invitati!!)

Ci sono i momenti belli nella vita. Anche quelli molto belli. Per me tra questi c’è in particolare l’inizio dei miei corsi universitari. Lunedì alle 8.30 la settimana inizia nel più coinvolgente dei modi, nel senso che parte a Scienze Politiche a Milano il nuovo corso di “Sociologia della criminalità organizzata”, la disciplina che inventai
Continua a leggere...  

“Per fortuna esistono anche professori che ringraziano”. Antonio Padellaro su “Per fortuna faccio il prof”

Ho lasciato per molti giorni, come era giusto, il mio saluto a Fabrizio Frizzi. Le visite dirette sul blog hanno raggiunto cifre impensabili. Nel complesso sono state raggiunte quasi due milioni di persone. Fabrizio lo meritava, e questo è un segno in più dell’affetto grande che lo circondava. Con ritardo vi consegno dunque la recensione
Continua a leggere...  

Ciao Fabrizio

Vi chiederete che cosa c’entri con il titolo la foto che ho messo in fondo al post. Ve lo spiego subito. Quella foto è (se non mi sbaglio) del 1984. Ci fu allora a Roma la prima manifestazione nazionale degli studenti contro la mafia e contro la droga. Non era mai successo prima, che i
Continua a leggere...  

I giorni dell’antimafia. Tutti gli appuntamenti (Di Matteo, Libera e i nomi delle vittime, la Meglio Gioventù)

Domani è il 21 di marzo, giornata che dallo scorso anno è istituzionalmente dedicata da tutto il paese alla memoria delle vittime innocenti di mafia e all’impegno per dare loro giustizia nella forma più alta, la sconfitta della mafia. A Foggia, simbolica capitale di mafia in questo 2018, Libera e don Ciotti ricorderanno tutti i
Continua a leggere...  

Le detenute che sul palco chiedono perdono. Storie di emozioni che arrivano da lontano

E’ vero, è la seconda volta che racconto queste donne. Ma alla fine capirete perché. Carcere di Vigevano. Serata da lupi, piove come Dio la manda. Passaggio tra cancelli e posti di guardia e camminamenti allagati. Verso il teatro in cui un gruppo di detenute reciterà uno spettacolo scritto con loro da Mimmo Sorrentino. Il
Continua a leggere...  

Oristano. Un giornalista quindicenne nella periferia che diventa capitale

“Ecco, sono loro”. Il liceo Salvatore Angelo De Castro è nato nell’ottocento.  Dall’unità d’Italia si sono formate qui tutte le generazioni della classe dirigente di Oristano, piccola città capoluogo di 31mila abitanti nella Sardegna che guarda la Spagna. Un cortile-posteggio, un accenno di palme. La palestra è ancora deserta quando il preside Pino Tilocca mi
Continua a leggere...  

La mafia dopo le stragi (e dopo le elezioni). Discussione a due con Attilio Bolzoni stasera allo spazio Melampo

Non dubitate, non dubitate. Nei prossimi giorni i miei affezionati lettori riceveranno qualche mia piccola nota sul terremoto politico che ci è arrivato addosso, non per colpa del destino cinico e baro ma per effetto di una lunga e sistematica opera a cui in tanti hanno atteso, svolgendo parti diverse. Intanto però vi do comunicazione
Continua a leggere...  

La bellezza della cattedra. Storia di un viaggio insperato: il mio

Ecco a voi la recensione di “Per fortuna faccio il Prof”, il mio ultimo libro, scritta da Corrado Stajano per il “Corriere della Sera” di oggi, 6 marzo. Il libro uscirà dopodomani 8 marzo Finalmente qualcuno contento di quel che fa. Con passione, con il desiderio di essere utile alla comunità. È Nando dalla Chiesa,
Continua a leggere...  

Quando l’ingiustizia brucia: quel che abbiamo dimenticato del processo Andreotti. Caselli e Lo Forte raccontano

Del processo Andreotti sappiamo tutto. Chi ha voluto. Chi non ha voluto continua a non saperne niente, e a parlarne lo stesso. Poi c’è chi sa tutto ma ignora quel che non piace alla sua coscienza e ai suoi interessi. In fondo, e senza intenzione, quell’evento giudiziario si è trasformato in un processo all’intera società
Continua a leggere...  

Ilaria. Una milanese in missione a Roma, a educare all’antimafia tra Casamonica, Spada e Mafia Capitale

Il viso da educanda, quello c’è ancora. Inconfondibile. Lo stesso con cui mi si sedette davanti per l’esame tanto tempo fa, correva l’anno 2009. Sapeva praticamente tutto. Un’espressione buona e disarmante, i libri ordinati e gonfi di segni e di colori. Ci siamo persi di vista e riincontrati, grazie al comune interesse per la criminalità
Continua a leggere...  

Raffaele, pensionato con amore. Che regala poesia sulla rete

Ohi, la rete. Luogo di ribalderie e di tangheri grafomani…E invece vi si incontrano eccezioni di delizia. Io, ad esempio, mi imbatto da tempo in un signore più anziano di me ma che possiede l’innocenza dei fanciulli. Si firma “Raffaele Pisani appassionato di poesia e napoletano a Catania”. Che cosa ci faccia a Catania non
Continua a leggere...  

Luisa. Storia della prof che non parla del Sessantotto ma continua a farlo

Se un giorno mi avessero detto che avrei trascorso un giovedì sera di Carnevale ascoltando alla radio “La vedova allegra” in tedesco non ci avrei creduto. E invece anche questo succede nelle trame infinite che portano a parlare di mafia e antimafia nelle scuole. Non in Sicilia ma a Bolzano, città di confine andata sui
Continua a leggere...  

Le madri più belle del mondo: quelle dei desaparecidos argentini e messicani. Da oggi laureate a Milano

Chissà se è vero che “son tutte belle le mamme del mondo”, come pretendeva un canto innocente degli anni del dopoguerra. Certo sono bellissime le madri che in ogni angolo del mondo chiedono giustizia per i loro figli. Senza rassegnarsi, senza inchinarsi davanti alle leggi dell’omertà o della paura, sfidando le reazioni di poteri feroci,
Continua a leggere...  

Alessandro, la gioiosa lotta di un giovane creativo. Per una tivù diversa da quella dei bimbi travestiti da divi…

Il Torino nel cuore. Anche se abita a Lainate, hinterland milanese. Una passione di famiglia: dal nonno carabiniere innamorato dello squadrone di Valentino Mazzola, al padre pittore, direttore del grande museo del Toro di Grugliasco, dove vengono custodite l’elica dell’aereo caduto a Superga e la leggendaria balilla di Gigi Meroni. Alessandro Muliari ha una bella
Continua a leggere...  

La “Rivelazioni” sull’omicidio Tobagi. A proposito di fake news

Pubblico oggi sul mio blog questo articolo di Ferdinando Pomarici e Armando Spataro uscito ieri 28 gennaio sul “Corriere della Sera”. Ne capirete le ragioni. E ancora di più capirete come siamo sottoposti a una massa di notizie non verificate Delitto Tobagi, i pm: «Nessun mistero, tutto chiarito 30 anni fa» I due pm: il
Continua a leggere...  

Donato Ungaro. Storia del vigile che resistette ai clan di Brescello e perciò fu licenziato

Dice che i vigili urbani sono buoni solo a mettere le multe. E allora provateci voi a fare la contravvenzione a un boss calabrese che lascia la sua Lamborghini in sosta vietata in segno di sfida. Per dimostrare che lui della legge se ne infischia. E che chiunque voglia fargli abbassare le arie passerà i
Continua a leggere...  

Storia di Lorenzo il Magnifico, l’allenatore che fece vincere il Napoli Club in Alto Adige

L’idea che fosse un bel tipo me l’ero fatta subito. Ma che avesse dedicato una vita allo sport è venuto fuori chilometro dopo chilometro. Perché il signor Lorenzo Tibolla era stato mandato a farmi da generoso autista da Milano verso Bolzano. Frasi gentili, brevi racconti di sé, come tra due persone che non si sono
Continua a leggere...  

Le mode che accettiamo. Come ti trasformo il ristorante in un pollaio (senza scontrino)

Sono di quelli che provano orrore per come sono costrette a vivere le galline che fanno le uova per noi. Figurarsi quindi se non provo qualcosa di simile quando vedo che qualcuno rifila analoghe condizioni agli esseri umani. Mi è capitato ieri sera in un ristorante sardo del centro di Milano. Uno di quelli con
Continua a leggere...  

Qui New York: volere bene a Bruce. La testimonianza del Gracco

Scrive il Gracco felice dopo il concerto di Broadway: “Nel suo spettacolo a Boroadway, in un teatro da 900 posti, Springsteen ripercorre tutta la sua vita. Si inizia dalle origini, dal suo voler scappare. Mr Born To Run, Mr Thunder Road voleva correre, correre via, andarsene da dove era nato. Poi, ridendo, ammette che alla
Continua a leggere...  

Rita Borsellino. Se la felicità sta a un passo dalla casa di Riina

Che bello rivederla in piedi! L’ultima volta che l’avevo vista, il 17 di luglio, stava su una carrozzina. Il sorriso di Rita Borsellino vale una primavera. Riceve tutti come una padrona di casa che apra per sempre le sue porte a stuoli di invitati. Ci sono microstorie che fanno la storia di una città. Tu
Continua a leggere...  

Saveria, la nonna del movimento (antimafia)

Delle sue rughe bellissime ho scritto su “Le Ribelli”. Era di mattina all’alba, mi sedetti al computer sul terrazzino della casa in cui andavamo in quelle estati a Stromboli. Presi un caffé e la raccontai a memoria, con i ricordi che fluivano dolci, e ogni tanto commoventi. Saveria, la madre di Roberto: come si era
Continua a leggere...  

Buon 2018!!! E un dono per i lettori: quando il dialetto si fa poesia

Auguri auguri auguri!! Buon anno a tutti, ai mirabili blogghisti e alle loro famiglie. E anche agli amici che non leggono il Blog. Anzi, scusatemi se arrivo in ritardo. Ho avuto qualche problema personale ma giuro che vi ho pensato incessantemente. L’idea della pagina bianca i primi di gennaio mi pesava. Ora però rimedio e
Continua a leggere...  

Lettera esemplare da Fino Mornasco (quando si dice lo stile)

Per prima cosa vi prego di leggere questa lettera, inviata al Blog per pubblicazione dal Sig. Pino Mandaglio: “Sono un sostenitore di Libera, vecchio militante di sinistra e questo articolo mi lascia sgomento!Conosco abbastanza bene le vicende di Fino Mornasco e qui si sono scritte delle  cose sconclusionate, errori nelle descrizioni delle vicende, la bufala
Continua a leggere...  

Natale con le infanzie. Se i figli sono davvero i Gracchi

Natale, bellissimi attimi e atmosfere di Natale. Da preservare perché accanto a noi, anche molto vicino a noi, si inseguono quasi inarrestabili i dolori e le nostalgie che non si possono guarire. Vi parlerò dunque del nuovo presepe che ho fatto, trasgredendo alle tradizioni (ogni tanto lo faccio). Nel camino, che è il cuore di
Continua a leggere...  

Leonardo Guarnotta, ovvero la storia del pool di Palermo. La sera che calò il silenzio…

E d’improvviso calò su tutti la Storia, proprio quella con la esse maiuscola. E tutti ne sentirono il profumo. Il signore alto e distinto che stava davanti a un pubblico rapito era entrato come un Babbo Natale generoso. Capelli bianchi e lineamenti prominenti, aveva portato nella sala la sua gerla metaforica. Piena di giustizia, dignità
Continua a leggere...  

Rita, un’italianista a Coimbra. E la leggenda del bacalao meravilhao

E’ l’ambasciatrice del bacalao meravilhao. Come in casa sua il baccalà non si mangia in nessun’altra parte al mondo. Anche quelli che non amano il celebre pesce, al suo desco si devono ricredere. La cuoca Emilia crea, lei offre. Un impasto sublime con patate e altri ingredienti segreti. La signora si chiama Rita, presidia una
Continua a leggere...  

Qui Fino Mornasco. Rossella, una consigliera comunale contro l’omertà

Giuseppe Napoli, il sindaco, originario di Giffone. Domenico Alvaro, il vicesindaco, nato a Giffone. Simone Pisaniello, il presidente del consiglio comunale, con la madre di Giffone. Tre giffonesi, ci mancherebbe. Tutto naturale. Il fatto è che non siamo a Giffone, provincia di Reggio Calabria. Ma dall’altra parte d’Italia. Precisamente a Fino Mornasco, poco meno di
Continua a leggere...  

La storia di Salvatore. Da San Giovanni in Teduccio al Piccolo Teatro

“Salvatore è perfetto”. Il suggerimento di Giulia Minoli è spontaneo, entusiasta. Giulia è l’anima del “Palcoscenico della legalità”, un’esperienza artistica e sociale che dal Piccolo Teatro sta conquistando la Milano dell’antimafia, tutto esaurito per una settimana (foto). E Salvatore è il migliore attore napoletano che si possa desiderare. Storia, accento, ironia, freschezza. Fa parte di
Continua a leggere...  

Beni confiscati. Se Rescaldina tesse La Tela…

Metteteci un sosia di Guccini, un bonario professore di scienze, un gruppo di giovani colti e combattivi ed eccovi La Tela, nuovo mito del Nord che rifiuta i panni di don Abbondio. “La Tela osteria sociale (del buon essere)” è ormai la bandiera di Rescaldina, comune dell’area metropolitana milanese. Gli amanti della legalità che vanno
Continua a leggere...  

piccolo uomo

Oggi è morto un piccolo uomo che ha fatto uccidere grandi uomini. Un individuo che non ha mai conosciuto i valori dell’umanità, e che per questo è rimasto tutta la vita al di sotto del più modesto impiegato desideroso di una società giusta, al di sotto del più umile operaio orgoglioso di guadagnarsi il pane
Continua a leggere...  

Paola Monzini. Il cuore grandissimo di una sociologa gentile e illegolare

In principio è lo stupore. La chiesa di San Marcellino appare splendidamente incastrata nella Federico II. Entri nell’antichissima università di Napoli e resti incantato davanti a questo tesoro architettonico. Dove si tengono lezioni e convegni mentre lo sguardo vola su marmi e stucchi, ori e dipinti, un soffitto a cassettoni che basterebbe da solo a
Continua a leggere...  

Buccinasco. Storia di una villa confiscata per metà (e l’altra metà al boss…)

Di quella storia assurda avevo già letto sui giornali. Ma quando salendo dalla scala buia ho inteso d’improvviso il profumo domestico dei broccoli mi sono fatto veramente l’idea. La padrona di casa, diciamo così, era indaffarata in occhiali davanti a una grande cucina, “tutta roba regalata, anche da Ikea”. Ha riconosciuto l’ospite, introdotto dal marito
Continua a leggere...  

Pavia-Milano, piccolo viaggio nella speranza civile. Quando ho pensato “ce la possiamo fare”

Forza ragazzi, che ce la possiamo fare. E come non crederci, dopo avere vissuto una dopo l’altra queste due bellissime esperienze di pubblici incontri? Città, temi e umanità diverse. Ma una stessa sensazione di benessere, la stessa speranza che ti sale dall’anima. Pavia, giovedì sera: la legge Rognoni-La Torre, 35 anni dopo la sua introduzione,
Continua a leggere...  

Milano. Il dramma messicano in teatro da domani (martedì 24). E la bufala di Cesano Boscone

Prima notizia. Grande matrimonio università-teatro. E su un tema di attualità straordinaria, che dovrebbe coinvolgere tutte le persone dotate di mente e di cuore. Domani martedì sera siete invitati tutti al Teatro della Cooperativa di Milano (via privata Hermada, 8), dove una volta di più gli studenti e i ricercatori di Scienze Politiche sono all’origine,
Continua a leggere...  

Carabinieri. Gli undici che difesero la democrazia

Quando gli undici si sono alzati in piedi, tutti in fila, dal pubblico stipato nell’ anfiteatro è partito un applauso di viscere e di cuore. Per un istante i più giovani non hanno capito esattamente chi fossero quei signori. Poi hanno fatto massa pure loro. Ed è stato un attimo di storia. Quegli undici non
Continua a leggere...  

‘Ndrangheta. Sarà la ‘nduja che li seppellirà… Storia di una festa speciale

[Avviso ai naviganti: la grande serata su Gigi Meroni, a cui domani (lunedì) parteciperò con la sorella Maria all’Ostello Bello di Como, inizierà alle 18.30!!! Risposta a chi lo ha chiesto: il libro “La farfalla granata” è tuttora in commercio. La casa editrice è sempre Limina, ora del gruppo TEA] Sarà la ‘nduja che li
Continua a leggere...