Il Policlinico di Roma e il pubblico impiego. Sentita filippica

Lo confesso. Seguo con grande interesse il dibattito sui dipendenti pubblici, essendo anch’io, in definitiva, un dipendente pubblico. Vuoi come sottosegretario, adesso; vuoi, per mestiere, come professore universitario (titolo che, significativamente, mi è stato revocato dal mio ministero all’atto di fornire alla presidenza del Consiglio i miei dati personali, giusto per dare un’idea…). Be’, mi
Continua a leggere...